Creare un sito web per il tuo business da zero – In 7 passi

Se ti ritrovi su questa pagina significa che sei interessato ad aprire un sito web.

Complimenti!

Aprire un sito è sempre uno step molto importante, perchè è l’inizio di una lunga passeggiata che farai insieme ad esso.

Trascorrerai molto tempo a modificarlo, migliorarlo, capire come gestirlo al meglio e a studiare strategie per capire come inviare traffico al sito web.

Anzi: Come farlo raggiungere dai tuoi potenziali clienti! (Che dici suona meglio? 😉 )

Ma andiamo subito al punto: secondo te oggi creare un sito web professionale è la scelta migliore?

Dipende molto da quello che hai intenzione di fare, e come vuoi farlo!

Ma aprire un sito web è un’impegno che dovrai portare a termine, altrimenti è tutto inutile.

Se ti impegni e lo sfrutterai a dovere: sfornerai sempre nuovi contenuti (Giornalmente,settimanalmente o anche mensilmente), e sopratutto creerai una community attorno al tuo settore di riferimento.

Solo grazie all’impegno e sopratutto il desiderio di creare un qualcosa tutto tuo, riuscirai a raggiungere i tuoi obbiettivi.

Parliamoci chiaro ci vuole anche un po di culo 😉 . Ogni tanto la dea bendata una piccola mano ce la da.

 

Come creare un sito web professionale da zero!

Fare un sito web con wordpress

Infographic vector created by Freepik


Eccoci qui all’argomento forte di quest’articolo.

Come creare un sito web da zero?

Fidati, è davvero facile crearlo!

Ci sono alcuni passi da seguire che ti spiegherò nel dettaglio così che potrai capirli bene.

Iniziamo con dire che ci sono delle scelte da fare all’inizio.

E sono tre:

  1. Il dominio da scegliere
  2. L’hosting da utilizzare
  3. La piattaforma da usare o chiamata anche Cms.

Andiamo a vedere cosa sono.

1)Scegliere un nome e un dominio per il tuo blog o sito web

La prima scelta da fare è ovviamente il nome del tuo blog o sito web e anche un dominio.

Questa è una scelta davvero importante perchè le persone dovranno ricordarsi il nome del tuo brand.

Il nome del tuo sito web dovrà rimanere impresso nella mente delle persone.

Come fare?

Dovrai creare un nome per il tuo sito che rispetti queste regole così da essere facile da ricordare:

  • Deve essere corto (Non scrivere un nome come “L’impianto di riscaldamento della Mister Entrephoum”, ma breve e conciso)
  • Riguardare l’argomento che vuoi trattare sul tuo sito web (Questo punto non è obbligatorio!)
  • Deve suonare bene quando lo pronunci (Il nome deve essere fluido e accattivante quando lo pronunci)
  • Ovviamente un nome originale e non scopiazzato da altri brand

Questi sono i punti che devi ricordare quando crei il nome del tuo sito web.

Io ad esempio quando dovevo scegliere un nome per un sito di restauro di mobili ho scelto questo : “Restauriamolo”

Un nome semplice, efficace, molto piccolo e sopratutto rimane nella mente delle persone.

Al proprietario del sito web è piaciuto molto e io ero soddisfatto. Tutti felici no?

Cerca di trovare un nome che riguarda che rispecchi l’argomento di riferimento del tuo sito web.

Segui i punti che ti ho elencato sopra e sarà un gioco da ragazzi.

Forse ci perderai un po di tempo, ma ne vale la pena.

Dopo che hai scelto il nome andiamo avanti.

2)Quale hosting e quale Cms scegliere per il nostro sito web o blog?

Tu davanti a te hai un computer o uno smartphone dal quale stai leggendo quest’articolo giusto?

Per cui in questo momento sei su un sito web!

Il mio sito web.

Che per ricevere traffico deve essere connesso ad internet 24/24h, non deve andare offline, altrimenti potrei perdere potenziali visitatori.

E questo ovviamente oltre ad un danno in termini di visite è anche un danno economico, perchè meno visitatori= meno guadagni.

Questo significa che devo scegliere una macchina chiamata “Server”, che conterrà il mio sito web all’interno.

Questo server deve essere assolutamente:

  • Veloce
  • Affidabile
  • Reattivo
  • Con pochi altri siti all’interno (Questo perchè più siti sono all’interno del server più andrà lento e più ci sono rischi che veniamo penalizzati da google)

Questi sono i punti che si devono valutare. I punti fondamentali che dobbiamo avere in considerazione quando dobbiamo scegliere un’hosting.

Per cui cos’è l’hosting?

Diciamo che è l’azienda che ci da uno spazio sul proprio server per poter mantenere il sito online.

Di hosting sul web ce ne sono tantissimi.

Io ne ho provati alcuni e con determinati hosting mi sono trovato Molto Molto male.

Questo perchè come ho detto sopra, ci sono dei fattori che si dovrebbero valutare quando si sceglie un hosting.

3)Come scegliere il miglior hosting?

Molti hosting hanno dei prezzi davvero bassi, ma una qualità pessima.

Ad esempio se un server ha un tempo di caricamento molto lento, questo significa che il tuo sito di conseguenza ci metterà tempo a caricare.

E lo sai che un’utente medio non aspetta più di 7 secondi.

Dopo i primi 3 secondi il 50% dei visitatori ha già abbandonato il tuo sito.

Questo significa che con un server molto lento perdi traffico.

E se un sito è lento, google non lo indicizza bene. (Indicizzare=  posizionare un sito web in una posizione specifica all’interno delle ricerche di google)


Se il tuo sito è lento – Perdi traffico, clienti, soldi e possibilità di crescere!

velocizzare un blog

Faccio un’esempio:

Il nostro blog tratta di vendita di finestre, per la parola chiave “Infissi interni” siamo in prima posizione su google.

Cambiamo hosting, o quello che usiamo adesso inizia ad avere problemi e la velocità di caricamento del sito aumenta (Da 2 secondi passa a 5 secondi).

Google invia in continuazione su tutti i siti web del mondo uno spiderbot, un programma che analizza i siti web e controlla se ci sono: Problemi,nuovi articoli, nuovi commenti, nuove migliorie, ecc.

Quando si rende conto che la velocità di caricamento del tuo sito è aumentata, lo riferisce a google il quale premia qualche altro sito web.

E tu dalla prima posizione su quella determinata parola chiave, inizierai a scalare sempre di più.

Per cui andrai in seconda posizione, in terza, in quarta e cosi via.

Questo che significa?

Significa che per le persone sarà più difficile trovarti.

Dimmi la verità, quante volte in tutta la tua vita se andato nella 2 o 3 pagina di google?

Quasi mai giusto? Questo perchè troviamo i risultati che fanno a caso nostro già nella prima pagina.

E non abbiamo il bisogno di andare nelle altre pagine di google.

Per cui se il tuo sito web inizia a scalare posizioni e va nella 2 o 3 pagina in quel caso il traffico che ricevi è pari a zero.

Molti fattori vanno a premiare o gravare sulla nostra posizione nelle ricerche su google.


E questo vale anche per la velocità del sito. La velocità del sito web è un fattore molto importante.

Perchè google premia i siti più veloci, perchè la gente non li abbandona subito.

Ovviamente questo come ho già detto è uno dei tanti fattori che valuta google.

Ma fidati scegliere un buon hosting è il primo passo fondamentale per riuscire a creare un sito web che possa essere trovato facilmente dalle persone.

Per cui quale hosting è il migliore?

Io personalmente uso siteground, come tantissimi altre persone che hanno una certa rilevanza sul web.

Web Hosting
Perchè scegliere siteground e non gli altri?

Semplicemente, perchè è:

  • Veloce
  • Affidabile
  • Reattivo
  • Ci sono pochi siti web sul server che acquisti

Voglio essere completamente sincero con te, non tutte le persone che consigliano Siteground lo hanno provato.

E allora perchè lo consigliano? Semplice… l’affiliazione di siteground paga bene.

E questo significa, che c’è un profitto per chi lo sponsorizza.

Io oltre a dirti che funziona bene ti do anche un’altra conferma sul fatto che è uno dei migliori hosting in circolazione.

Io personalmente uso : Siteground.

Quest’articolo che stai leggendo ora e tutto il sito web è posizionato all’interno di uno dei server di siteground.

Lo uso perchè mi trovo bene e lo reputo davvero fantastico come servizio, anche per questo te lo consiglio.

Ovviamente guadagno una percentuale se ti iscrivi.

Ma nel caso siteground non valeva i soldi spesi allora puoi starne sicuro che non te l’avrei consigliato.

Guadagnare è bello, tutti vogliono guadagnare. Ma se devo guadagnare e perdere la faccia e sopratutto perdere la vostra credibilità, allora no.

Passo e vado avanti.

Un’ultima cosa, la prima volta che ti iscrivi e compri un’hosting su siteground riceverai uno sconto”%” bello sostanzioso e in più puoi anche registrare il tuo primo sito gratuitamente.

Ti consigli di acquistare almeno 1 anno, così da risparmiare un bel po di soldi.

Per comprare l’hosting e il dominio è semplicissimo.

Ti Basta creare l’account scegliere uno dei 3 piani offerti da siteground:

Miglior hosting per un blog

Scegliere il piano giusto per te, io ti consiglio il 2 : GrowBig

Dopo aver scelto inserisci i tuoi dati, il nome del dominio del tuo sito (Es. www.dominio.com o .it o .org | Scegli uno dei 3 suffissi sono tutti molto validi e usati)

Avrai completato la procedura e il tuo sito è stato creato.

Semplice no?

Ora devi installare un cms sul tuo sito per gestirlo.

4)Quale cms scegliere per il tuo blog?

Il cms o la piattaforma: è il programma che gestisce il tuo sito.

Grazie a questo programma tu hai già fatto il 70% del lavoro in automatico.

Invece di costruire un sito web da solo, lo fa il programma al posto tuo. E fidati è un grandissimo aiuto.

Ci sono tanti cms, ma solo alcuni valgono la pena di essere provati ed uno in particolare: WordPress.

Creare un blog, e-commerce, sito

Come puoi vedere wordpress è il programma più usato per gestire un blog,e-commerce e sito web.

Questo perchè ha dei vantaggi:

  • Semplice da usare
  • Completamente gratuito
  • Molto affidabile
  • Responsive (La grafica del tuo sito web è adatta sia al computer che agli smartphone)

WordPress è davvero un’ottimo cms da usare per fare un sito web.

Per capirci lo utilizzano anche : Mozilla ,eBay, Google Ventures e anche la NASA.

Anche io ho sempre utilizzato wordpress anche per creare e-commerce (Negozi online).

Ovviamente su wordpress si possono trovare Plugin sia gratis che a pagamento. Ma non sono obbligatori decidi tu se installarli o no.

Ah e non dimenticare che WordPress è completamente gratuito.

Ci sono anche altri cms che sono buoni:

  • Joomla
  • Drupal

Ma entrambi sono un po più complessi da usare e sopratutto richiedono un minimo di programmazione per cui sono sconsigliati per chi non ha le basi.

Per cui la scelta migliore è il caro amico : WordPress.

Il cms più usato per costruire siti web ed il più facile da usare.

Come fare per installarlo?

Nella maggior parte degli hosting è davvero semplice installarlo ti basta solo fare qualche piccola azione.

Andiamo a vedere come installarlo su Siteground in pochissimi minuti.

5)Come installare WordPress

Andiamo a vedere come installare wordpress su siteground in pochissimi minuti.

Fidati è semplicissimo installarlo e richiederà pochissimo tempo

Dopo aver fatto l’accesso a siteground con il tuo account dove hai acquistato l’hosting e il dominio troverai questa schermata:

  Dovrai cliccare sul tasto “My accounts” li troverai tutti i domini che hai acquistato.

Ah ti ricordo che se deciderai di aprire nuovi siti web, ti basta acquistare un nuovo dominio e verrà aggiunto automaticamente sul tuo hosting.

Ovviamente il piano che hai scelto quando all’inizio ha un limite massimo di spazio che puoi usare (Megabyte) e ha anche un numero massimo di visitatori mensili che possono accedere ai siti web che hai sull’hosting.

Quindi quando inizi a vedere che hai superato la soglia massima o ci sei vicino di consiglio di comprare un nuovo piano più grande, così da avere più spazio e soglie più alte.

Comunque riprendiamo il discorso.

 

Ti basta cliccare sulla scritta “Go to cPanel”.

Il cPanel è il pannello di controllo del tuo hosting, li puoi fare tantissime cose.

Una di queste è decidere di installare wordpress su un tuo sito web.

Ti ritroverai su una schermata del genere, ti basta trovare la sezione autoinstaller.

E cliccare sull’icona di WordPress.

Come vedi offre già altri cms che puoi installare facilmente sul tuo sito web, per cui puoi anche decidere di non installare wordpress ma di provare qualcos’altro.

Ed eccoci qui!

Adesso ti basterà premere il pulsante “Install Now” e compilare i vari campi del tuo Nuovo Sito Web.

Semplicissimo, no?

La schermata successiva ti chiederà informazioni come:

  • Il nome del tuo sito web
  • Il “motto” del tuo sito web
  • Un’username per accedervi e una password

Un gioco da ragazzi 😉

Ci metterà poco ad installare wordpress e in pochissimo tempo il tuo sito sarà operativo.

Ok, adesso ho installato wordpress…ora che devo fare?

6)Come configurare WordPress

Anche configurare wordpress è davvero semplice.

La prima cosa da fare se non hai ancora fatto l’accesso al tuo nuovo sito web è scrivere : nometuosito.it/wp-admin

La parola “/wp-admin” è usata per accedere al pannello di controllo del tuo sito.

Comparirà una semplice schermata di login dove inserisci il tuo username e la tua password che hai precedentemente scelto quando hai installato wordpress.

Dopo averli inseriti ti ritroverai una schermata del genere.

Configurare wordpress

Tralasciando il colore della mia schermata wordpress “Molto sbarazzino”, ma quando lo guardo mi viene subito voglia di scrivere articoli. ( Sarà pazzia ma con me funziona 😀 )

Sommariamente il grosso del lavoro è stato fatto ora devi solo modificare il tuo sito come preferisci.

Ora ti spiegherò come ad esempio cambiare tema wordpress, e ti consiglierò qualche plugins da installare.

Dopo aver finito di leggere quest’articolo, ti consiglio di girare un po tra le impostazioni e di cercare qualche plugin per wordpress che può servirti.

Ma ora andiamo a vedere come cambiare il tema di wordpress e sceglierne uno migliore.

7)Temi wordpress – Quale scegliere?

Configurare wordpress cambiare tema

Come cambiare il tema di wordpress?

Semplicissimo!

Tema wordpress

Ti basta cliccare sulla sezione “aspetto” nel menù principale.

Lì troverai tutti i temi che avrai scaricato.

Per aggiungerne uno nuovo ti basta:

Cambiare tema di wordpress

Cliccare sul pulsante “Aggiungi nuovo” in alto a sinistra.

Potrai trovare migliaia di temi gratuiti.

Per iniziare puoi tranquillamente usare i temi gratuiti.

Hanno tutto quello che ti serve.

Ma come scegliere un tema?

Guarda le caratteristiche del tema, le funzioni che ha a disposizione.

E sopratutto vedi se rallenta il sito. Nel caso il tema è molto pesante ti consiglio di cambiarlo.

Come fare a vedere se il tema appesantisce il sito?

Ti basta digitare l’url del tuo sito web su: Gtmetrix

Un fantastico sito web che permette di analizzare gratuitamente il tuo sito.

Ti dirà in quanti secondi carica la pagina, quanto è pesante (In kb o Mb) e tutti i plugins, le immagini e il codice che sta rallentando il tuo sito.

Davvero un’ottima risorsa, sfruttala al meglio 😉 .

Un consiglio su i temi?

Provali, testali, vedi se hanno tutto quello che ti serve.

E quando troverai il tema giusto per il tuo sito, è fatta!

Tranquillo puoi cambiare in ogni momento il tema, non succederà nulla al tuo sito.

Tutti i tuoi articoli, pagine o prodotti rimarranno invariati e salvati sul tuo hosting.

Come fare a modificare un tema wordpress?

Ti basta cliccare sull’opzione “Personalizza” che troverai nel sotto-menù “Aspetto”.

Guarda l’immagine sopra nell’articolo, l’ultima voce del sotto-menu è proprio “Personalizza”.

Come installare plugin wordpress?

Anche installare i plugins per wordpress è semplicissimo.
Installare plugin su wordpress

Ti basta cliccare su “Plugin” e successivamente “Aggiungi Nuovo”.

Potrai cercare i plugin in base alle categorie : Segnalati, raccomandati, popolari,ecc.

O anche per nome, ad esempio se vuoi cercare un plugin che ti aiuti con la gestione dei commenti ti basta scrivere nella barra di ricerca “Comments” e troverai decine di plugins.

I migliori plugins per wordpress

Quali plugins installare quando si crea un sito web?

Non esiste un plugin, necessario obbligatoriamente.

Perchè wordpress ha già tutto quello che ti serve.

Ma ci sono alcuni, che sono davvero utili e non potrai farne più a meno dopo che li provi.

Io te ne voglio consigliare qualcuno in particolare.

3 plugin wordpress da installare:

  • Yoast SEO for WordPress: è uno dei plugin più utilizzati di wordpress, perchè offre un aiuto davvero fondamentale al’inizio. Ti aiuterà a capire come scrivere e modificare al meglio i tuoi articoli per renderli il più leggibili possibile e per ottimizzarli al meglio per google. Funziona come un semaforo ( Verde= Ok, Giallo= Migliora qualcosa, Rosso= Sbagliato), ma attenzione non prendere alla lettera tutto quello che ti dice è sempre un programma e non è intelligente quanto google, non riesce a capire i sinonimi e tante altre cose. Può aiutarti moltissimo all’inizio ma non prendere alla lettera tutto quello che ti dice.
  • Sumo Me: Un plugin che uso spesso, perchè anche nella sua versione gratuita offre alcune feature molto utili. Ad esempio quella che utilizzo in particolare sono i tasti per condividere l’articolo sui social network (Funzionano sia su desktop e sia su mobile), la funzione di hitmap che analizza dove le persone tendono a cliccare sul tuo sito web. E ha tante altre piccole chicche, ovviamente alcuni sono utilizzabili solo con la versione premium.
  • Disqus: Un plugin per wordpress che sostituirà i classici commenti standard, con un nuovo modo di commentare.  Con i commenti standard un’utente deve inserire la propria email e non tutti la utilizzano spesso l’email, per questo con disqus è molto più facile ti basta fare l’accesso con un tuo profilo social (Facebook,google+,twitter,ecc.) e potrai subito commentare l’articolo. Semplice, facile ed utile!

Questi sono solo 3 dei tantissimi plugins che si possono trovare su wordpress.

Ti consiglio di  navigare e cercare qualcosa che può fare al caso.

Ce ne sono alcuni che ti sapranno sorprendere!

Siamo arrivati alla fine! – Sei riuscito a creare il tuo nuovo sito web?

Grazie per aver letto l’articolo fin qui.

Lo apprezzo tantissimo!

Ho passato molto tempo a scrivere quest’articolo e sarei davvero felice se mi facessi un piccolo favore!

L’unica cosa che ti chiedo è di condividere quest’articolo. Ovviamente non è un obbligo, ma lo apprezzerei moltissimo 🙂

Se hai qualche dubbio, o vuoi farmi una domanda non esitare a scrivermela nei commenti di quest’articolo.

One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *